lunedì 8 settembre 2008

Un sacco belle notizie

Su consiglio di uno stimato professionista carpigiano che, non avendo cose meno urgenti da fare, passa le sue giornate ravanando su cinico-blog, interrompiamo l'astinenza, per dare alcune notizie troppo belle per essere ignorate.

Tera, Tera, Tera! La pornostar gringothailandese, originaria del Montana (e dove altro se no?),  si sfoga in una intervista al corriere: "basta repubblicani alla Casa Bianca!" 
Nostalgia per Clinton e la famosa oral room?

E' ufficiale: Maria Stella Gelmini ha cambiato la montatura degli occhiali.
Per pagare i nuovi occhiali il ministero taglierà circa 30000 posti di lavoro introducendo la figura del maestro unico.
Aboliti anche i bidelli, a pulire i cessi penseranno i Presidi che notoriamente non c'hanno un cazzo da fare.

La Gelmini, che definisce questo governo "rivoluzionario", incassa la solidarietà del premier Che Banana, notoriamente filocomunista, mentre viene stroncata dal premier ombra Bossi: "bei uciai ma la capiss na gott".

Il governo rivoluzionario di Bananas ha inoltre condannato il Napoli al pagamento di 10000 euro di multa per i disordini di domenica. I 500.000 euro di danni a Trenitalia verranno invece trasformati in crediti dal mago Silvian e dal suo aiutante dott. Stranamonti.

Concludiamo infine con Al Fano, impareggiabile Guardacavilli: troppi stranieri nelle nostre carceri! La soluzione? Rimandiamoli a casa loro, in modo che possano tornare da liberi clandestini.

Geniale.

3 commenti:

gisa ha detto...

Geniale in verità è questo splendido post. Quotum magnum per la disamina sulla pierina-gelmina-grembiulina e su al fano, il guardagingilli del che banana. :-)

Maialo ha detto...

Guarda mi sono iscritto a blogspot solo per poterti commentare, sei un grande (uno splinderiano).
ciao cinico, continua così, sei er mejo!!!!

Torquemada ha detto...

esagggerati, come disse una volta il grande Mike Bongiorno a chi gli chiedeva: "ma lei signor Bongiorno è un sub eccezionale!" - "ma no, ma no, sono solo un sub normale".

Google