domenica 28 dicembre 2008

Terra Santa!

Ahò, meno male che è terra santa, pensate un po' se fosse sconsacrata...

Appena il Paparazzinghe ha annunciato di voler andare in pellegrinaggio, è improvvisamente... scoppiata la pace.

Quella eterna però.

Amen

lunedì 22 dicembre 2008

venerdì 19 dicembre 2008

Quelli che... le tasse non le pagano

E' di oggi la notizia che la Guardia di Finanza ha rastrellato un bel tesoretto anche quest'anno.
Chissà, forse potrebbero girare qualche spicciolo al povero Bertolaso, prima che si dimetta.
Questo mi consente di riallacciarmi ad un articolonzo del corriere uscito non molto tempo fa con la classifica delle varie categorie professionali.
Mi fa piacere che in questa singolare classifica non compaiano i giardinieri perché così l'anno prossimo la Guardia di Finanza potrà scovare qualche altra miliardata di euro andando a spulciare tra le fatture di questa singolare categoria, che forse per rispetto alla natura è piuttosto allergica all'emissione delle fatture. Lo farà per non aggravare la deforestazione del pianeta?

Se poi la Guardia di Finanza, in mancanza di idee, volesse anche concentrarsi su quelli che riparano biciclette e motorini, imbianchini col doppio lavoro, pensionati dediti alla falegnameria, panettieri, idraulici ed elettricisti, sicuramente di tesoretti ne verrebbero fuori a bizzeffe.

E tanti saluti a Stranamonti e al suo degno compare Prugnetta, che ricordano molto il gatto e la volpe di Collodiana memoria.

Applausi.

martedì 16 dicembre 2008

A' bruzzo fijo de 'na m...

E mentre in Abruzzo si profila all'orizzonte un inopinato sorpasso di Tonino Mano Di Pietra ai danni del Uolter sempre più in bambola, la PDL incassa un nuovo governatore.
Per fortuna quelli di Europa (si chiama così perché vivono in orbita attorno a Giove) hanno le idee chiare: "Uolter, molla Di Pietro!".

Bravi, la prossima volta alleatevi direttamente con il casino delle libertà.

Come si suol dire, roba da Chiodi.

martedì 9 dicembre 2008

Pensione Edelweiss!

Pensione Edelweiss, servizio in camera, tutto incluso, prezzi NON modici.

E' Natale e anche le pornostar si sentono più bone.
Come dargli torto!


Se pensiamo che è laureata in giurisprudenza, possiamo ragionevolmente aspettarci che diventi ministra da un momento all'altro.

Chissà come mai il Banana non le ha ancora trovato un posticino almeno da sottosegretaria agli esteri, sicuramente l'amico Putin apprezzerebbe molto.


giovedì 4 dicembre 2008

Lo stakanovista di Arcore e le gemelle De Vivo

Dal Corriere, noto quotidiano cumunista, apprendiamo che il nostro amato premier, tra gli assillanti impegni di lavoro che lo tengo occupato per almeno 18 ore al giorno (come dice Egli medesimo), ha trovato il tempo di ricevere le gemellone dell'Isola dei Famosi nella sua modesta magione romana.
Per chi si chiedesse chi siano mai questi due pezzi di... quote rosa, allego volentieri la galleria fotografica del Corriere.




Sarà stato per esaminare di persona il curriculum in vista di una futura (probabilissima) candidatura?

O forse per avere notizie di prima mano sulla inopinata vittoria di Vladimir Luxuria?

O magari, come diceva Totò, per una esercitazione di sopravvivenza in "corpore (De) Vivi"?

Sia come sia, con questa notizia finalmente si darà il colpo di grazia a tutte queste squallide malelingue che prendono in giro il líder minimo dicendo che non gli piace la compagnia degli intellettuali...

Attendiamo ulteriori notizie, ansimanti.

Regali di natale

E voi, cosa aspettate ad usare la social card ?

http://www.pomegranatephone.com/

mercoledì 26 novembre 2008

Il Papavoltaico

Dovete sapere che al Papa hanno regalato la bellezza di 2500 metri quadrati di pannelli solari, prontamente installati sopra la sala Nervi.

Evidentemente il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci non funziona altrettanto bene con i chilowatt.

Il Vaticano abbraccia quindi la causa ecologica e adesso non ci resta che sperare in qualcuno che inventi un sistema per estrarre metano dalle stronzate, cosi', grazie alla Chiesa, avremo energia pulita e rinnovabile per i prossimi 5 miliardi di anni.

Alleluja!

venerdì 21 novembre 2008

Il Re Sòla

Oggi vi devo dare una notizia buona ed una cattiva.

Cominciamo da quella buona: 
Forzataglia non esiste più!
Applausi scroscianti, stendingeiaculascion, mortaretti e tricchetracche.

Calma, calma, adesso vi devo dare quella cattiva:
Forzaraglia da oggi si chiamerà Popolo delle libertà (delle banane).

Il proprietario del "nuovo" partito è sempre lui, il Re Sòla.

Viva commozione tra i presenti quando, a conclusione del breve discorso da lui stesso definito storico,  (e da chi altri se no?), il Re Sòla ha inneggiato ai valori cardine del partito:

Viva Forzataglia!
Viva il Popolo della libertà condizionata!
Viva l'Itaglia!
Viva ..... 
...................................... la figa!

Applausi

domenica 9 novembre 2008

La religione unisce e non divide - Joseph Ratzinger

e infatti, eccone la miglior riprova...



Una rissa da antologia con tanto di polizia, esercito, ortodossi, armeni e semplici "fedeli", che si menano con tutto ciò che c'è a disposizione, inclusi ceri, candelabri, paramenti sacri e meno sacri, dove qualunque colpo è lecito, compreso quello nei maroni andato a vuoto ai danni di un attempato pope.

Assolutamente da rividere alla moviola il colpo di candelabro sferrato alle terga del poliziotto israeliano, nel tentativo di finire il prete armeno nella miglior tradizione ecclesiastica e il micidiale gancio sinistro a sorpresa al naso dell'armeno all'ortodosso, che gli distrugge gli occhiali.

Dieci e lode al regista, zero meno a Ratzinger, 8 e mezzo ai seminaristi degli opposti schieramenti che hanno messo in mostra un notevole gioco di gambe e un reportorio di colpi degni di un campionato mondiale, per il miglior video dell'anno su iutiubbe.

Con dei preti così, chi ha più bisogno dei peccatori?

PS: e chi mena per primo, mena due volte, ricordatevelo sempre.

giovedì 6 novembre 2008

Obama e O'banana

Chissà perché, tra tutti quelli del pianeta, l'unico premier che è riuscito subito a dire una vaccata a proposito di Obama, doveva essere proprio il nostro o'Banana.

Domandatevi perché e datevi la risposta da soli.


Bontà sua, lo statista in formato mignon si difende: "era solo un carineria!".

Non ha tutti i torti, digiaaaamogelo, in fondo era stato preceduto dai commenti assai apprezzati del Gasparri, l'omo forte naa gramatica daa dresta italiana...

Con dei galantuomini del genere, chi ha bisogno dei comizi di Borghezio?Potremmo sperare a questo punto in una risposta dello stesso tenore da Obama:
- senti chi parla, la brutta copia di Michael Jackson, solo un po' più bianco, molto più vecchio e con molti meno capelli!

Temo invece che Obama sia molto più educato e intelligente del Banana e invece se ne stia zitto, preso da problemi assai più urgenti che le boutade di un gerarchetto di provincia.

martedì 4 novembre 2008

Ricerca scienti...fica

Un autorevole studio s-s-s-scientifico (gli studi si sa, sono sempre autorevoli, come gli esponenti parlamentari) pare abbia dimostrato che si dorme meglio dopo aver fatto sesso.
Ma che camomilla, ma che tisana, ma che libro sul comodino, molto meglio un po' di wrestling sotto coperta!

L'unico che non riesce a trarre giovamento da questa terapia naturale pare sia il nostro amato premier Che Banana che invece, poveretto, dorme solo 3 ore per notte (dopo aver fatto 3 ore di sesso per sua stessa ammissione, anche se non si è ancora riusciti a sapere con chi, nonostante le insinuazioni di Guzzanti Senior).

Ma dico io, c'era bisogno di andarlo a chiedere ai tedeschi?
Bastava lo chiedessero a mia moglie che addirittura si addormenta prima!

Oppure ad Andreotti, altro autorevole esponente politico, che si è addormentato a occhi aperti forse pensando alle tette della Perego...

E poi 'sti scemziati si lamentano quando gli tagli la ricerca s-s-s-s-scienti...fica.

giovedì 23 ottobre 2008

Padre Forrest Gumpel, di professione postulatore

Pare che a Israele 'sta faccenda di voler beatificare Pio XII proprio non vada giù.
Mentre il postulatore vaticano s'affanna a cercare di dimostrare che Pio XII non dormiva la notte al pensiero degli ebrei mandati al massacro e sotto sotto si diede da fare per cercare di salvarne almeno due o tre (e non si sa se ci riuscì), in Israele, che non sono fessi come gli italiani, hanno capito la manfrina e non gliela mandano a dire al Papst: se fai santo quello lì, puoi anche rimanere a casa tua, altro che gita premio a Gerosilemme...
E così, mentre volano gli stracci, il pontefice prende tempo per approfondire la figura di Pio XII, prima di dare il nulla osta alla beatificazione. 
Ecco bravo, approfondisca, scavi, scavi, aivoja a scavà.

10 e lode a Israele, 4 al Papa e 1 meno al postulatore Gumpel.

PS: sarà mica parente di Forrest, eminenza?

Intimo di Carinzia

Com'è e o come non è, una delle notizia del giorno più curiose è quella del coming out postumo di Haider. 

"Era l'uomo della mia vita", dichiarava non più tardi di stamattina il "vedovo" in pectore, col risultato di autostroncare la propria brillante carriera nel virilissimo partito di destra.

Chissà perché il pensiero va a quella scena dei Blues Brothers in cui il nazista si dichiara innamorato del capo mentre entrambe precipitano con l'auto...

Purtroppo lo iutubbo sembra sprovvisto della scena in questione, per cui consoliamoci con quella classica del salto dal ponte alla manifestazione dei nazisti dell'Illinois.




RIP.

martedì 21 ottobre 2008

La polacca che tutti vorrebbero come badante

A grande richiesta, tornano le gnocche su cinico blog.

A Repubblica erano così concentrati sulle immagini, che nell'empito dei sentimenti hanno catalogato la prosperosa Eva Wyrwal come Emy Wyrwal.
D'altronde come dar loro torto, è facile perdersi lì in mezzo tra una curva e l'altra, con 'sto po' po' di topona in costume, come dire, evitico.

Insomma, pare di capire che in Polonia non vanno tutte vestite come la Madonna di Czestochowa...

Vi consiglio senz'altro... Novembre.

Altro che le Pall Mall Blu...

Se solo Gisa potesse vedere questo imperdibile oggetto venduto sul sito già noto ai fedelissimi di cinico per quei fantastici razzi terra-ufficio USB...

domenica 19 ottobre 2008

La collezione di cravatte autunno inverno di Veltrony Blair

Finalmente stasera s'è capito perché Veltrony Blair aspirava ad andare d'accordo col Banana e, come sempre, le ragioni più semplici sono quelle che spiegano meglio il perché di certe scelte.

Stasera abbiamo scoperto che di televenditori di cravatte, in Italia, non ne avevamo solo uno in servizio permanente effettivo ma c'era pure la recluta che scalpitava nel camerino.

Impaziente di mostrare la collezione autunno inverno 2008, Veltrony Blair va da Fabio Fazio, l'equilibrista, e si gioca il tutto per tutto: manda al suo paese Tonino mano di Pietra e come i bambini all'asilo dichiara offesissimo con tanto di broncio: è stato lui a cominciare per primo!

Pensate che bello, nel momento in cui l'opposizione dovrebbe essere granitica e coesa, c'abbiamo uno che pensa solo alle manifestazioni oceaniche, al circo Massimo, perché il circo Barnum con la Binetti non era già abbastanza grande.
Il motto di Veltrony sembra essere diventato: in mancanza di un'idea chiara, usiamo quelle confuse degli altri!

Il grande ammiratore di Tony Blair, quello che ha praticamente raso al suolo il partito laburista inglese dopo aver fatto credere a tutti di essere un fenomeno, ambisce a ripercorrere la parabola del suo mentore, con una piccola ma significativa variazione: lui le elezioni non vuole vincerle nemmeno una volta, perché illudere gli italiani del resto? Meglio radere al suolo la sinistra subito, che aspettiamo a fare!

Per fortuna, tra una festa del PD e un'adunata, ha trovato perfino il tempo (e i soldi) di comprare un appartamento a New York e far costruire una scuola in Kenya. L'eclettico autore di "Forse Dio è malato" (ma di sicuro non sta molto bene con la zucca, n.d.r.), ha pensato bene di intitolarla nientepopodimeno che... ai propri genitori.
Forse sul citofono dell'appartamento a New York scriverà "Uolter Kenyatta"?

Ohibò, credo che nemmeno ai tempi di Craxi, fossimo arrivati al culto dei propri parenti nel terzo mondo (e mi scuso col Kenya, non vi preoccupate, di questo passo fra non molto toccherà a voi venire a costruire le scuole qui...fin da ora grazie di cuore).

Finora c'eravamo limitati alle targhe autarchiche in ottone poste a imperitura memoria dal Re Sóla medesimo, come quella stupefacente che celebra la storica riunione della Nato con Putin e compagnia cantante a Pratica di Mare (storica perché lì nacque la leggenda di Romolo e Remolo).
Tremo al pensiero della possibile rappresaglia del Banana, diomio o chi ne fa le veci, cosa ci aspetterà ora, la sua effige scolpita nel cemento dei piloni sullo stretto di Messina? O la statua in bronzo di Mamma Rosa in ogni mensa (come Fantozzi!)?

Le parole profetiche di Nanni Moretti diventano ogni giorno più assordanti.
"Con questi qui non si va da nessuna parte. Siamo destinati a perdere le elezioni per i prossimi 20 anni."

Forse il buon Nanni peccava di ottimismo.

A questo punto lancerei una proposta costruttiva a tutte le forze sane di sinistra:
e se pensassimo alla gnocca piuttosto?

venerdì 17 ottobre 2008

Un fantasma si aggira per l'Europa

Che fantastica occasione questa della crisi finanziaria, ci voleva proprio, eh!

E' bastato paventare che una nota banca nostrana potesse fallire, per trasformare il popolo dei liberisti forzitalioti a oltranza in tanti piccoli Prodi piccini picciò. 

Al Banana non è parso vero di poter finalmente fare un figurone facendo finta di salvare qualcosa di diverso dal suo fondoschiena, operazione che lo ha tenuto molto impegnato negli ultimi 15 anni. Sì perché, fino a prova contraria, non è fallita nessuna banca, però in compenso se ciò dovesse avvenire, noi siamo pronti con i soldi di tutti!

Nello slancio plastico per salvare i finanzieri nostrani, a dire il vero, qualche sapiente manina aveva infilato anche quell'innocente emendamentino salvastronzi, ma per fortuna il dott. Stranamonti s'è frapposto, facendo scudo alla manovra con il suo corpo. 

Anzi, il sommo premier, mentre la situazione economica precipitava, grazie al proprio istinto capitalistico sviluppatosi durante i duri anni del Craxismo, ha giocato d'anticipo ed ha saggiamente investito nel mattone, acquistando una modesta magione sul lago di Como, strappandola peraltro alla subdola concorrenza di qualche nababbo dell'estremo oriente.
 
Ma non si pensi che questa operazione sia stata una bassa manovra speculativa, anzi, in realtà è stata un'abile manovra di depistaggio: mentre agli altri consigliava di comprare azioni Eni ed Enel, egli preparava in gran segreto una mossa a sorpresa: la trasformazione da imprenditore senza scrupoli a leader cumunista.

Ebbene sì, il libero mercato ha fallito, digiaaamogelo!

Cinico-blog è in grado di offrirvi in esclusiva mondiale una foto scattata all'insaputa del Lider minimo, su quel ramo del lago di Como, dove il Cavaliere, abbandonata la bandana, il doppio petto e i tripli tacchi, ha indossato la nuova uniforme d'ordinanza.


Hasta la Vittoria siempre, comandante Che Banana!

Salviamo Forzitalia

L'ultima tegola caduta sulla cervice del pover Uolter Veltrony, non ci son paragony, è la farsa della foto del manifesto "Salviamo l'Italia".
Già lo slogan mi stava sugli zebedei, ci mancava solo la foto galeotta...

Sì perché ravanando ravanando, in questo i giornalai del Banana sono bravissimi, è saltato fuori che la foto degli aspiranti salvatori dell'Italia altro non sarebbe che la foto dei soliti papa-boys che stazionano per ore alla domenica sotto le finestre papali, in attesa di applaudire il Papa mentre fa qualche rivelazione clamorosa del tipo "i soldi sono niente, l'unica cosa solida è la parola di Dio". Se lo potesse sentire il compianto Marcinkus o quello che viene a fare lo spurgo!

Sia come sia, la robusta giustificazione addotta dal malcapitato responsabile della propaganda del PD (tale Losacco) è stata la seguente: "ma noi abbiamo acquistato la fotofrafia da una banca dati su internet..."

He! Non dire scacco finché c'è Losacco, dicevano gli antichi...

Con un'opposizione così sgangherata, chi avrà più bisogno di perdere tempo a fare le elezioni?

martedì 14 ottobre 2008

Oggi le comiche: Stanlio e Silvio

Non so se lo sapete, ma il nostro grande premier ha pensato bene di fare una capatina negli USA per festeggiare il Calambosdei, come dicono gli italoammerigani.

E sticazzi, diranno i ben informati.

Ora, sarà per un motivo o per un altro, a Repubblica hanno pensato bene di mettere qualcosa come 22 foto 22 dello "storico" evento (se ne consiglia la visione ad un pubblico adulto o incapace d'intendere e di volere).

Storico soprattutto, perché che Dio voglia o meno, questo sarà l'ultimo Columbus day di Ciorc Bushetta e nessuno, a parte il Banana, sempre avere rimpianti.

La cosa che invece non si capisce bene è come mai le foto apparentemente risalgano al 2006 (vedete un po' la data nel percorso alla galleria fotografica...).

Sia come sia, un duo così non si vedeva dagli anni '30.

Festeggiamo!


Anche perché, se vi ricordate, al calambosdei dell'anno scorso c'era il Tenente Calambos da Chappaalunee.
Mi vengono ancora i lacrimoni per la commozione.
O sarà per il soffritto di cipolle?

domenica 12 ottobre 2008

E pompa o non pompa, noi, arriveremo a Roma...

Segnalo una bella storia edificante sul Corriere: quella di Lorena, ex-impiegata, mignotta senior, felice proprietaria di ben 8 appartamenti e due bravi figlioli dalle promettenti carriere.
Come si suol dire in questi casi, tanto di cappello, anzi, di cappella.

Quel che mi sfugge perché nell'articolo non è ben chiaro è se l'avvenente Lorena si sia ricordata di pagare anche le tasse.

No, mica per niente, ma sapete, se c'è qualcosa che mi fa incazzare è dover fare il finanziatore inconsapevole dei pompini altrui, per cui cara Lorena, sarebbero tre giri di giostra a testa per andare pare con l'IRPEF arretrata.

Che  fa, concilia?

sabato 11 ottobre 2008

San Cataldo football club

Per chi si fosse perso la vera notizia sportiva del giorno, provvedo io a riassumerla, anzi no, andatevela a leggere.

Il Modena calcio quest'anno si avvarrà di uno sponsor d'eccezione: la premiata ditta di onoranze funebri Gibellini.
Incurante della recessione, anzi, forse persino aiutato grazie al cedimento delle coronarie di qualche risparmiatore particolarmente ardito, il buon Gibellini l'ha tiré fora i sold, come si dice da queste parti nebbiose bassopadane ed in cambio la maglia dei canarini sarà listata a lutto per tutta la stagione 2008-2009. Alleluja!

Non è ancora stato deciso se la squadra continuerà a prepararsi allo stadio Braglia o se gli allenamenti si sposteranno nel limitrofo cimitero di San Cataldo, già assunto agli onori funebri delle cronache ai tempi della trasmissione cult Avanzi, quando il sommo architetto Marco Messeri fece un reportage indimenticabile dal titolo "il mortominio" sulla "piccionaia" dell'allora nuova ala sud, un'architettura minimalistica in stile Auschwitz particolarmente apprezzata dalla cittadinanza.

Esequie vivissime a tutta la squadra.

giovedì 9 ottobre 2008

Vieni avanti...reatino - chi c'è dietro al famigerato emendamento salva stronzi

Se qualcuno si chiede come siano le facce dei due estensori del famigerato emendamento sul salvataggio dei manager, che, modestia a parte, proporrei di chiamare "il salva-stronzi" (che casualmente fa rima con un noto manager di una certa banca beneficiario del suddetto emendamento), ecco, andatevi a vedere le foto del reatino Angelo Maria Ciccolani e del pacioso senatore Paravia (quello che tutti i ladri porta via?) da Gragnano, dove oltre alla pasta evidentemente sanno fare anche le pastette...

Ovviamente i mandanti sono altri, ma si sa, i due capri respiratori stanno lì apposta per fare da parafulmini...

Come al solito applausi scroscianti dal popolo bue.

Muuuuuu!

mercoledì 8 ottobre 2008

Se lo dice Guzzanti, c'e' da fidarsi

Sembra impossibile ma alla fine persino Guzzanti Sr. se n'è accorto.

Lasciate che sia il primo a complimentarmi con l'ondivago Guzzanti per essere finalmente arrivato a metà degli anni '90, periodo in cui una buona metà degli italiani era già sulla tazza da quel dì.

Staremo a vedere quanto dura.

La piu' mejo e' Halle Berry. Punto

E c'era bisogno di andare a scomodare 'sta rivista d'Esquimesi per stabilire che Halle Berry, sempre sia lodata, è la più gnocca del reame?

Bastava che lo chiedessero a me.

lunedì 6 ottobre 2008

La spesa è finita, andate in pace

E mentre il Papa, parlando a vanvera ai vescovi, si affannava a sostenere che i soldi non contano niente, mentre la parola di Dio sì, una tesi a dir poco bislacca, per usare un aggettivo caro al nostro amato premier, in un centro commerciale di Roma andava in onda, pensate un po', la santa messa.



Lasciate che i consumatori vengano a me...
Signora, lei lo sa che oggi con solo 2 ave marie può acquistare l'assoluzione per ben 3 peccati? Si affretti però, l'offerta scade alle 18.
E per chi ascolta tutta l'omelia, in regalo un pratico rosario fosforescente.

Com'era quella frase famosa, fuori i mercanti dal tempio o fuori i preti dal supermercato?

Popeyote II - i soldi sono niente (o quasi?)

Il buongiorno si vede dal mattino e infatti il crollo delle borse rende nervoso persino il Papa:
"I soldi sono niente", tuona Papa Raztinger, "solo la parola di Dio è una realtà solida".

Applausi.

Se da ogni fatto dobbiamo trarre la sua significazione, essa è questa:

  1. A partire dall'anno prossimo la Chiesa rinuncia all'otto per mille.
  2. A partire da subito lo IOR viene abolito.
  3. Per le offerte si possono usare anche i fagioli secchi, i piselli, le fave e i tappi usati delle bottiglie.
  4. Dentro lo Stato Vaticano, le banconote da 200, 100 e 50€ vengono sostituite dai santini di Padre Pio, Madre Teresa di Calcutta e Maria Goretti rispettivamente. Quelle da 20€ vengono invece sostituite dalle effigi di Papa Woytjla, non ancora beatificato, mentre per quelle da 10 e da 5 bastano i soldi del monopoli.

Ma soprattutto se ne deduce che in Vaticano si fa largo consumo di stupefacenti e nemmeno in modica quantità...

E questa sarebbe quello che chiamano l'alto magistero della Chiesa...

Brunetta, l'antibiotico biondo che fa impazzire il mondo del pubblico impiego

Il mefistofelico Brunetta-furioso, dopo aver promesso querela a Stella, non pago, promette di installare i tornelli all'ingresso degli uffici pubblici.
L'effetto pasta e fagioli sui dipendenti pubblici ha del miracoloso: -50% di casi di malattia rispetto all'anno precedente!

Mi chiedo cosa aspettino a dargli il premio Nobel 2008 per la Medicina.

O forse quest'anno hanno deciso di ammalarsi tutti  tra Natale e Capodanno?

martedì 9 settembre 2008

E dopo il calendario di Frate Indovino venne il culendario di Suor Letizia

Dalle carmelitane scalze, alle carmelitane nude?
E brava suor Letizia, che a vedersi è una delizia.
Alleluja!

lunedì 8 settembre 2008

Un sacco belle notizie

Su consiglio di uno stimato professionista carpigiano che, non avendo cose meno urgenti da fare, passa le sue giornate ravanando su cinico-blog, interrompiamo l'astinenza, per dare alcune notizie troppo belle per essere ignorate.

Tera, Tera, Tera! La pornostar gringothailandese, originaria del Montana (e dove altro se no?),  si sfoga in una intervista al corriere: "basta repubblicani alla Casa Bianca!" 
Nostalgia per Clinton e la famosa oral room?

E' ufficiale: Maria Stella Gelmini ha cambiato la montatura degli occhiali.
Per pagare i nuovi occhiali il ministero taglierà circa 30000 posti di lavoro introducendo la figura del maestro unico.
Aboliti anche i bidelli, a pulire i cessi penseranno i Presidi che notoriamente non c'hanno un cazzo da fare.

La Gelmini, che definisce questo governo "rivoluzionario", incassa la solidarietà del premier Che Banana, notoriamente filocomunista, mentre viene stroncata dal premier ombra Bossi: "bei uciai ma la capiss na gott".

Il governo rivoluzionario di Bananas ha inoltre condannato il Napoli al pagamento di 10000 euro di multa per i disordini di domenica. I 500.000 euro di danni a Trenitalia verranno invece trasformati in crediti dal mago Silvian e dal suo aiutante dott. Stranamonti.

Concludiamo infine con Al Fano, impareggiabile Guardacavilli: troppi stranieri nelle nostre carceri! La soluzione? Rimandiamoli a casa loro, in modo che possano tornare da liberi clandestini.

Geniale.

sabato 30 agosto 2008

E per la serie "i grandi giornalisti italiani" adesso NON mandiamo in onda Carlo Rossella

Stasera, inspiegabilmente, ho deciso di vedere il TG5.
Notizia dell'ultim'ora dagli Stati Uniti: McCain ha scelto il suo vice, sarà una donna.

E fin qui niente di male, anzi.

Se non fosse che la signora ha idee piuttosto sui generis:
no all'aborto (ha cinque figli, benedetto sia Ogino Knaus!)
sì alla libertà di portare armi (è membro della NRA...)
favorevole alla pena di morte,
favorevole alla guerra in Iraq (tanto da essere entusiasta di mandarci un figlio, ma se non altro è coerente...)
e, dulcis in fundo, ...amante delle copertine patinate.

Per commentare la notizia, intervistona a Carlo Rossella, uno degli zerbini del Banana, che si dichiara entusiasta della scelta:
"una donna dalle idee moderne!" chiosa in evidente stato di ebbrezza.

A questo punto bisogna decidere se ridere o piangere, pensando che costui è stato perfino iscritto al PCI e direttore del TG1, uomo di poche idee ma ben confuse ed il suo stipendio elargito con le NOSTRE tasse.

Applausi.

venerdì 29 agosto 2008

Ragionier Fantozzi, cazzi quell'Alitalia!

A volte non si sa se certe notizie siano un involontario omaggio alla comicità d'antan.

E dopo Fantozzi commissario straordinario, magari si potrebbe mettere il conte Serbelloni Mazzanti Viendalmare come amministratore delegato. 

Come si fa a non essere ottimisti?

Passeraaa, passeraaaaaaa.......................

Charlize Theron, l'analcolica bionda che fa impazzire il mondo (tranne Borghezio)

E' finalmente sbarcata a Venezia la bionda per eccellenza, Charlize Theron, tra l'entusiasmo dei presenti (e anche degli assenti).

Chissà cosa ne penserà Borghezio, lui che i theron, non li vuole sentire neanche nominare.



giovedì 28 agosto 2008

Monica Guerritore, 50 anni da stragnocca

A quanto pare l'annata '58 non fu ottima solo per la nascita di Nostra Signora Edwige del Divin Fondoschiena, ma anche per la nostranissima Monica Guerritore, di professione attrice, ma soprattutto stratosferica gnocca in grandissima forma, come potete constatare di pirzona pirzonalmenti:



Il Popolo Italiano esulta.

Ehi tu, giù le mani da quella copia di Vanity Fair!

mercoledì 27 agosto 2008

Danilo Coppola agli arresti balneari

Arriecchilo,
il noto immobiliarista romano Danilo Coppola, quello accusato di bancarotta fraudolenta, pettinatura oscena e altre amenità e che, come al solito, era incompatibile col regime carcerario....
Infatti, come potete constatare, è compatibile solo con gli arresti balneari, guardato a vista dal bagnino.

Non più tardi di oggi il buon Al Fano aveva ammesso che l'indulto è stato una ciofeca (ma avrà tenuto conto che serviva solo per Previti?) e che andrebbe riesaminata la possibilità di dotare i carcerati non pericolosi di braccialetto elettronico.

Nel caso del povero Coppola però ci vorrebbero i bracciali da gonfiare più che quelli elettronici.

Che splendido paese. 

Applausi.

martedì 26 agosto 2008

Maria Stella Gelmini ministro della pubblica distruzione

Donna Maristè era partita bene.
Appena insediata al Ministero della Distruzione, da buona berlusconiana (o da berlusconiana bona?) mise subito le mani avanti.
"Di scuola non ne so niente", dichiarò candidamente, nascondendosi dietro la montatura degli occhiali firmati e il tailleur approvato dalla CEI.
Dopo qualche mese di lavoro, presa confidenza con le telecamere più che con la dura materia, ha cominciato a centellinare sporadiche dichiarazioni, salvo avvalersi della facoltà di non intendere, secondo necessità.
L'ultima perla l'ha sfornata l'altro ieri: "istituiremo corsi intensivi per i professori del Sud".

Va pensiero al corso full-immersion di dialetto milanese al quale viene sottoposto er pantera prima di tentare il colpo gobbo alla Sisal.



Ovviamente non si sono fatte attendere le repliche e in un tentativo di aggiustare la frittata, da brava padana pragmatica ma soprattutto svanita, la ministra afferma (thanks Gisa!):
"E poi pensate che al liceo avevo una insegnante che, anche se era siciliana, era bravissima".
Come dicono a Padova: peso el tacon che'l buso.

Donna Maristé, ascolti un cretino: eviti le telecamere come la peste e se proprio non ce la fa, ci mandi il sottosegretario, li hanno inventati apposta per andare a pigliare gli schiaffi al posto del titolare.

Insomma, come si dice dalle nostre parti, la solita ministra riscaldata.

Applausi.

giovedì 21 agosto 2008

Gaby Ramirez, una messicana coi fiocchi a prova di Totti

Tiriamo fuori dagli scaffali impolverati l'intervista cult di Totti alla tv messicana, ormai passata alla storia con la esse minuscola, per smentire questa volgare diceria che le messicane sono tutte pelose (e io ne so qualcosa...).



Sì perché sarà merito della ceretta o di fotosciop, ma la señorita Ràmirez non sembra avere problemi di peluria superflua, con buona pace di Tiziano Ferro e di Totti...





O forse è solo questione che las paisanas mias me vuelven loco?

Il pappagallo è morto e neanche io mi sente tanto bene

Chissà perché la notiziola del giorno, quella del pappagallo dato in affidamento al vicino e ritrovato morto stecchito, mi fa venire in mente il mitico sketch dei Monty Python...



A differenza di Micheal Palin però, l'incauto vicino è stato condannato a 4 mesi e mezzo di reclusione per omessa custodia di cocorito.

Che mancanza di sense of humor britannico hanno questi giudici italiani.

Le famose regole del Cio

La delegazione spagnola alle olimpiadi di Pechino voleva mettere la bandiera a mezz'asta in segno di lutto per il disastro aereo di ieri, ma il Cio ha detto no.
L'infanta, con aplomb castellano, ha commentato che si tratta "delle regole del Cio".

Forse voleva dire un'altra parola che inizia per c e finisce con o, ma trattandosi dell'infanta d'España e non dell'onorevole Santadeché, come ama chiamarla SuperGisa, ha preferito usare un'espressione de classe.
Quasi quasi divento monarchico!

mercoledì 20 agosto 2008

Trapianti d'Egitto

Pare che in Egitto sia in preparazione una proposta di legge che vieta il trapianto d'organi tra persone di religione diversa.

La trovo un'ottima idea, anzi, io adotterei il modello della lista nera, del tipo, io dono i miei organi a tutti ma non a Tizio, a Caio o a Sempronio. E pure al contrario: accetto organi da chiunque ma non da quello stronzo!

Non bisogna pensare solo ai risvolti negativi, ce ne sono anche di assai positivi.
Pensate se una mattina, dopo un incidente, vi svegliate con il cervello di Giullare Ferrara e/o la faccia di Bondi, senza che nessuno vi abbia chiesto il permesso.

Orrore!

martedì 19 agosto 2008

Il garante della piracy


Credevamo di avere già visto tutto o quasi, ma quella degli smanettoni incalliti alla ricerca di files pirata che si rivolgono al Garante della Privacy per protestare contro presunte ma soprattutto improbabili schedature, ancora mancava alla galleria delle cialtronate all'italiana.

In nome del Popolo Italiano, visti gli articoli del codice penale, date le circostanze aggravanti del pessimo gusto, questa corte la condanna alla pena di vedere il TG4 condotto da Emilio Fede per anni 2 senza condizionale per aver scaricato illegalmente 32 puntate di Quark speciale ed il ciclo integrale delle sinfonie di Beethoven. L'imputato viene invece assolto con formula piena per aver scaricato Cicciolina e Moana mondiali, trattandosi di materiale educativo di pubblico dominio.


La seduta è tolta.


Applausi.

domenica 17 agosto 2008

Borgfoot

 È stato avvistato anche in Italia un esemplare di bigfoot, il misterioso primate, mezzo uomo e mezzo no, che alcuni esaltati asseriscono frequentare i boschi del nord america.
L'avvistamento ha avuto luogo durante il comizio di Bossi a Ponte di Legno e questa è la fotografia della strana creatura scattata da un testimone oculare.

Dopo aver ingurgitato alcune salsicce offerte dalle guardie padane, lo strano essere si è dileguato nel bosco emettendo incomprensibili versi, benché alcuni giurino di aver sentito distintamente la seguente frase "europa di merda!"

sabato 16 agosto 2008

Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare mediterraneo


Nel tradizionale comizio di ferragosto di Bossi con la partecipazione straordinaria delle salsicce alla griglia, il Senatur si è felicitato per la linea dura del Governo contro l'immigrazione, perché il messaggio che gli italiani stanno finalmente mandando agli aspiranti clandestini sarebbe "non venite perché non vi vogliamo".

Contemporaneamente la BBC pubblica la notizia che gli arrivi di immigrati clandestini sono aumentati del 50% rispetto allo stesso periodo del 2007 (dati forniti da Maroni, quello con le palle...).

Adesso si tratta di capire se il messaggio in bergamasco non sia stato adeguatamente tradotto in arabo e swahili o se il Senatur parlasse sotto l'effetto della polenta cünsa.

Tegn dür, mai mulà (antico proverbio senegalese)

giovedì 14 agosto 2008

Emanuela Orlandi - quando la realtà supera la satira

Sarò breve.

Ma secondo voi è normale che l'auto su cui è stata rapita Emanuela Orlandi venga ritrovata serenamente parcheggiata da tredici anni in un posteggio pubblico?

Boh,  a me sembra di sognare.

Ma la cosa veramente fantastica è che se non fosse stato per una precisa indicazione da parte di un testimone, quella macchina restava lì per altri tredici.

E adesso venitemi a dire che questo non è il più bel paese del mondo.
Per i delinquenti, soprattutto.

La sottile linea rossa di Famiglia Cristiana

Come avevo vaticinato ieri confidenzialmente ad un supertestimone auricolare, stamattina è arrivata puntuale la scomunica del Vaticano per un noto giornale filocomunista: 
Famiglia Cristiano Zapatista.

Si legge nella nota del direttore della sala stampa Vaticana:  
"una testata importante della realtà cattolica, ma non ha titolo per esprimere né la linea della Santa Sede né quella della Conferenza episcopale italiana".

La virulenta presa di posizione dopo che il settimanale cattoleninista aveva bollato come fasciste alcune iniziative del nostro eccellente governo di bananieri.

Alla luce della provvidenziale iniziativa della Santa Sede, possiamo finalmente stabilire una volta per tutte che la linea del Vaticano non va intesa come una semplice retta, ma come una curva di Peano (qui a fianco) la cui dimostrazione viene lasciata al lettore per esercizio.

Nel frattempo il governo balneare ombra saggiamente tace, per non disturbare i bagnanti.

Applausi bipartisan.

mercoledì 13 agosto 2008

Un culendario per melodi

Direttamente dalla Romania, ecco a noi Melodi, che ci canterà, possibilmente nuda, un allegro motivetto dal titolo: la do si si la do 
(questo motivetto non è mio, ma di Luciana Littizzetto).

Siamo solo ad agosto, ma cominciamo bene.

Avanti coi culendari, c'è posto!

martedì 12 agosto 2008

Santini, santone, rosari, ricchi premi e cotillons


Mentre zappavo di canale in canale, ho appreso che è appena uscita una nuova imperdibile collezione autunno inverno di santini, tra i quali spiccano ovviamente Padre Pio ed altri greatest hits di Santa Romana Chiesa, come Maria Goretti. 
Nonostante gli sforzi del Banana però non sembra che sia presente nella collezione, Santa Mara Carfagna, vergine e martire di piazza Navona.

Questa fantasmagorica iniziativa si affianca a quella dei rosari da collezione a soli 9,99 centesimi, di un editore concorrente.

A quando la collezioni di boccette d'acqua benedetta con il pratico dosatore? 

mercoledì 6 agosto 2008

Il Cern e l'esperimento fine di mondo

Si dice che in Germania stia imperversando il panico dopo che uno scienziato tedesco (o pazzo o cretino, ancora non è dato sapere) ha lanciato l'allarme in vista del famoso test "fine-di-mondo" (quello del dottor Stranamore!), in procinto di essere effettuato al Cern di Ginevra.

Lo Zichicchio di Tubinga sostiene che in conseguenza dell'esperimento verranno prodotti dei mini buchi neri che, a lungo andare, finiranno per inghiottire la terra e perfino il Banana (se è veramente così voglio essere il primo a spingere sul pulsante d'avvio dell'esperimento).

Insomma, mentre in Germania infuria la polemica, noi, più realisticamente, siamo alle prese con ben altri buchi neri, quelli delle casse statali, dove spariscono miliardi d'euro ogni anno.
Mica per niente noi abbiamo il Dottor Stranamonti come ministro dell'economia e la sua manovra finanziaria fine di mondo ci salverà.

Esimio Archimede, tennico e blogger, ci illumini lei a questo punto, c'è veramente speranza di vedere il Banana, Cicchitto, Bocchino, Bondi, Vito risucchiati in un buco nero a costo di un modesto sacrificio personale?

lunedì 4 agosto 2008

Eran trecento, eran giovani e forti...

Nella gara alla stupidità che contraddistingue questa epoca, in cui, per citare me medesimo, sicuramente non esiste il traguardo, spicca a buon diritto la notiziona di tale Francesca Salcedo, professione non pervenuta come la temperatura di Campobasso ai tempi di Bernacca, la quaglia avrebbe chattato per ben 24 ore di fila con 300 aspiranti non si sa che.
Quello che ha resistito di più è durato 3 minuti.

E sticazzi nun ce lo volemo mette Francé?

E poi mi vengono a dire che l'eiaculazione precoce non è un problema serio.

Lei, lui e l'alieno, il classico triangolo di Garlasco

Le ultime di cronaca riportano una clamorosa notizia: ad uccidere la povera Chiara Poggi non sarebbe stato il fidanzato, ma gli alieni, la perizia presentata dalla difesa sostiene infatti che il sangue trovato sulla bicicletta della vittima non è umano.

Le indagini si spostano ora su Urano.

Troppa filosofia, caro Scalfari

Nel suo ultimo elzeviro il buon Scalfari, di cui apprezzo soprattutto le sporadiche bordate al Vaticano, anche se non se ne tirano mai abbastanza, incorre nel classico errore di tutti coloro che sorpassano la settantina e lui ha già passato gli ottanta: diventa troppo buono e finisce per dire tutto e il suo contrario.

Oltre tutto quando dice che le religioni monoteiste vedono nel tecnicismo un nemico si sbaglia pure, perché è evidente che la Chiesa, lasciando perdere gli altri variopinti spacciatori di aria calda (hot air come dicono i gringos), ha ormai brevettato il metodo di volgere a suo favore i cavilli e gli espedienti tecnici.

Mi spiego: uno viene mantenuto in vita con l'ausilio di una macchina? quindi significa che è vivo.
Fine dei sottili ragionamenti e dei distinguo, con buona pace di tutte le cacate sulla presenza dell'anima e il soffio vitale di Dio e la rava e la fava, che si guardano bene dal nominare in questi casi. 

Mica sono fessi.

Uno ha espresso il desiderio di non passare come una larva anni e anni attaccato a una macchina? Ecchissenefrega, ci sono orde di suore pagate con l'otto per mille che non hanno un cazzo d'altro da fare se non dedicarsi all'accanimento. Già quelle si sono accanite contro se stesse, figuriamoci che problema possono avere ad accanirsi sugli altri.

Questa mania di voler rendere difficile ciò che difficile non è, è tipica delle società ostaggio di qualche "credo" religioso e noi oltretutto abbiamo pensato bene di infilare questo tarlo direttamente nel cuore della Costituzione, con il risultato di mandare completamente a puttane la convivenza civile. Questa convivenza civile che è stata il frutto di secoli di battaglie e non solo filosofiche ma a colpi di spada e cartucce contro il potere della Chiesa. Se oggi la Chiesa ha delle posizioni appena accettabili è grazie alle mazzate ricevute durante il risorgimento, se no ancora staremmo con i roghi a campo de' fiori.

Il buon Pannella, genialmente, ha infilato persino l'esempio di Woytjla, a cui, ad un certo punto, avrebbero "staccato la spina". Ha perfettamente ragione, ma si sa, ubi maior, minor cessat.
Poteva Santa Romana Chiesa continuare ad avere un Papa che s'addormentava mentre parlava?
Chiaramente no.

Può il padre di Eluana continuare a fare questa vita di merda per altri 20 o 30 anni?
Chiaramente sì, checce frega a noi?

Già con questo Scalfari dovrebbe tirare le conclusioni sul partito democratico, perché anche quello è un palese caso di accanimento terapeutico. Un partito in cui una componente vive con la spada di Damocle dell'obbedienza al Papa è un partito destinato all'eutanasia.

Si rassegni, caro Scalfari, prima stacchiamo il PD dalle macchine elettorali che lo tengono artificiosamente in vita e meglio sarà per tutti.

domenica 3 agosto 2008

Il festival della cellulite

Eh, si vede che quando l'esperto di Photoshop è in ferie, certi culi riacquistano d'improvviso tutta la cellulite miracolosamente scomparsa grazie ai prodigi del fotoritoccatore.

Speriamo torni presto dalle vacanze, prima che cadano in disgrazia troppi miti...

giovedì 31 luglio 2008

Altissima, purissima, lontanissima

In attesa che Ciarrapico metta le mani anche sulle sorgenti d'acqua marziana (la famosa acqua marcia?), gli scienziati della Nasa esultano e dichiarano di aver prelevato dei campioni con la sonda Mars Odissey.
Interrogato in proposito durante una seduta spiritica, l'ex-presidente Giuseppe Saragat, ha dichiarato che la notizia lo ha lasciato piuttosto freddino, molto meglio sarebbe stato se la sonda americana avesse scoperto del vino, possibilmente del Brunello.
In una dichiarazione a caldo, con il consueto equilibrio, l'on. Bonaiuti ha dichiarato che la scoperta dell'acqua su Marte è un grande successo del governo Berlusconi, mentre il precedente governo Prodi non aveva fatto nulla.
Il ministro Scajola, dopo aver ribadito che i marziani sono dei rompicoglioni, ha detto di essere stato frainteso.

lunedì 28 luglio 2008

Colpito e rifondato

Sabato pareva che Nichi Vendola ce la potesse fare, una applauditissima perorazione del sempre elegantissimo Bertinotti stava per compiere il miracolo, poi un colpo di coda dell'opposizione interna lo ha steso con un vero e proprio ribaltone, nominando Ferrero, che all'apparenza più che un comunista rifondente sembra un comunista al latte parzialmente scremato. 
Il neosegretario, ha subito dichiarato: "rilancio il partito dal basso e da sinistra".
L'altro per tutta risposta ha enigmaticamente affermato: "Noi non ce ne andiamo, continuiamo la nostra battaglia, non ci sarà scissione ma non entriamo in segreteria. Nasce l'area Rifondazione da Sinistra".

E per fortuna che Oliviero Lupo Alberto, segretario dell'altro partito comunista, aveva dichiarato neanche una settimana fa che "due partiti comunisti in uno stesso paese erano troppi", non si sa se alludendo al fatto che gli altri dovessero fare le valigie o lui stesso. 

In ogni caso, per me è troppo persino un solo partito vetero-comunista, figuriamoci due.
Ma il bello è che, non solo non si ridurranno ad uno, ma probabilmente riusciremo presto o tardi ad averne tre, divisi da insormontabili difficoltà nel mettersi d'accordo su quale sia il vocativo di ego o la marca di sigari preferita da Fidel. 

Chissà che ne penserebbe il povero Marx.
Groucho, intendo.

venerdì 25 luglio 2008

Finché c'è il morto c'è speranza

Pare che di fronte alla recessione, gli investitori di Wall Street stiano puntando sull'unica cosa certa nella vita: la morte.
Già anni fa ricordo che vidi su una rivista americana una pubblicità del tipo:
"voi pensate a morire, del resto ci occupiamo noi".

E adesso, chi glielo dice al Banana?

giovedì 24 luglio 2008

Il primo gallo che canta ha fatto l'uovo fuori dalla tazza

La prima memorabile dichiarazione del Banana dopo la firma della legge da parte del Presidente della Repubblica (applausi) è stata:
"finalmente adesso al sabato potrò lavorare anziché passarlo con gli avvocati".

Curiosa affermazione visto che per 2 mesi ci ha tritato i coglioni mattina, pomeriggio e sera con la storiella del decreto bloccabrogiessi indispensabile per TUTTI gli italiani.

In ogni caso adesso potrà lavorare in pace, almeno al sabato.
Sì perché gli altri giorni della settimana pare che sia molto impegnato con le telefonate, le colazioni, i pranzi, i ricchi premi e i cotillons destinati a questa variegata fauna di belle forzitaliote.

Tutto è bene quel che finisce bene e da oggi siamo finalmente un paese normale.

Del centro africa però.

mercoledì 23 luglio 2008

Avanti Marsch - Viva la Topa model

Sarà la sorella di una vecchia conoscenza?
Evidentemente quelle che fanno Marsch di cognome, hanno una marsch in più...
Si autodefinisce top-model, ma sicuramente ha perso una "a" per strada.

Certo, ha un lucc a metà strada tra l'horror e il kitsch e dubito fortemente che l'avrebbero lasciata entrare ad Ascot con le nuove regole sulle mutande, due airbag da far invidia a una Volvo, un corredo di tatuaggi che al confronto Tashtego era un principiante e una classe da far sembrare Mara Carfagna la Vergine Maria in pirzona, altro che Santa Goretti fu Maria. Per non parlare del contachilometri, che dev'essere già arrivato a fondo scala da un pezzo...

Però ha quel certo non so che.

E dopo il cobra di Formigine venne la porcellina di Casinalbo

Nella fantastica galleria di modenesi allo sbaraglio, si inserisce di forza la notiziola della esclusione di Chiara Fantoni da Miss Italia, a causa del rinvenimento di foto osé sul web.
A parte che, alzi la mano chi, al giorno d'oggi, non ha nemmeno una foto osé sul web e ne va fiero, (me escluso).

Sembra che i miei (illustri?) concittadini non ce la facciano proprio a reggere le luci della ribalta.

Prima il "cobra di Formigine" pescato con le mani nella marmellata di globuli rossi, poi la presunta vergine 18 enne, evidentemente con già diverse ore di volo alle spalle...

Cari modenesi, qua bisogna che torniate a concentrarvi sul core businnes, come dicono i mericani, piastreli e ciccioli, eter che fer i fenomen!

La cordata per Alitalia

Finalmente pronta la famigerata cordata per Alitalia.

martedì 22 luglio 2008

Serbetto al limone

Finalmente hanno pizzicato Radovan Karadzic.
Il buonuomo dovrà rispondere di quisquilie come crimini contro l'umanità, genocidio e capigliatura oscena in luogo pubblico.
Per me sarebbe bastata già l'ultima incriminazione per farlo arrestarlo 20 anni fa.
Speriamo segua l'esempio del suo degno compare Milosevic e si suicidi.

L'umanità ringrazia.

lunedì 21 luglio 2008

In medio stat ictus



Eh, certo che se Mameli fosse stato Mozart, a quest'ora non ci troveremmo a questo livello infimo...

Batti lei, ragioniera Ashley

Signorina Harkleroad, facciamo un gheim, se permette le palle ce le metto io stavolta.

venerdì 18 luglio 2008

Mezzo secolo di Edwige Fenech

Quest'anno, alla vigilia di Natale, cadrà il cinquantenario della provvidenziale nascita di nostra signora beata del grande schermo Edwige Fenech, sempre sia lodata e ammirata.

Il popolo devoto pose MMVIII.

Bibì, Bibò e Capitan Coco Riccò

Fa sempre piacere quanto il proprio borgo natio sale agli onori delle cronache per qualche minchiata, figuriamoci dunque quando il cobra di Formigine viene trovato positivo al controllo antidoping, dopo aver vinto 2 tappe al Tour e finirà la sua carriera erpetologica più mestamente come la bessa dla risera.

Arrestato, torchiato, espulso e nemesi finale: licenziato in tronco. 

Beh, se credete che il ciclismo professionistico sia ancora un oasi felice dove ogni tanto qualche furbetto della parrocchia s'imbottisce di farmaci per vincere mentre gli altri sono tutti santi, allora siete pronti anche a credere che Gesù bambino è morto di freddo...

Applausi, come chiosava il grande blogger Ercole Compiuter.

giovedì 17 luglio 2008

Pesce d'Avril

Non so chi sia codesta Avril Lavigne e forse nemmeno gli ammericani, però nel dubbio hanno pensato bene di mettere le foto sporcaccione mentre la supposta (...) signorina effettua un sapiente spegnicandela assieme ad un fortunato partner.

Nell'impossibilità di verificare dalle impronte chiappali se si tratti della succitata e succinta Lavigne, di sosia, di body rental o di gnocca bionda caucasica vulgaris ed in mancanza di un adeguato zoom sul pisello del baldo giovanotto, non riusciremo mai veramente a sapere di chi si tratta. 

Ma poi a noi ce ne frega qualcosa?

Magari quelli del Post Chronicle hanno solo voluto fare un pesce d'avril fuori tempo massimo...


Sproloquiatzinger

Dopo aver dormito per 2 giorni e rotti di fila, pare che ieri Paparazzinger si sia svegliato ed abbia pronunciato le frasi riportate sotto.
Indipendentemente da ciò, ci si chiede che cavolo sia andato fino in Australia per dormire 2 giorni di fila, faceva prima a mandargli un fax e sarebbe costato pure meno.

Tra le perle da segnalare spiccano:
"la creazione di Dio e' unica ed e' buona
- quindi smentisce implicitamente il suo astronomo di corte, già apparso su questi schermi.

"Il nostro mondo si e' stancato dell'avidita', dello sfruttamento e della divisione, del tedio di falsi idoli e di risposte parziali, e della pena di false promesse
- e allora come si spiega che abbia vinto le elezioni il Banana?

"le ferite che segnano la superficie della terra: l'erosione, la deforestazione, lo sperpero delle risorse minerali e marine per alimentare un insaziabile consumismo
- non male per lo sponsor del padre Pio (si pronuncia Paio) imbalsamato ed esposto a pagamento allo stadio.

"non solo l'ambiente naturale, ma anche quello sociale, l'habitat che ci creiamo noi stessi, ha le sue cicatrici; ferite che stanno ad indicare che qualcosa non e' a posto
- concordo, il Vaticano andrebbe spostato nell'oceano pacifico, possibilmente dove non c'è terra ferma.

"Fra i piu' in evidenza vi sono l'abuso di alcool e di droghe, l'esaltazione della violenza e il degrado sessuale
- oh bella, come sarebbe a dire l'abuso? quindi l'uso senza abuso è cosa buona e giusta. Ma pensa com'è moderno questo Papa. 
O forse non s'era ancora svegliato del tutto.

mercoledì 16 luglio 2008

Cinico-statistiche de noantri

Finalmente anche su cinico-blog è arrivato il momento di fare un po' di fine introspezione psicologica.

Chi è il lettore medio, per non dire medio-basso di cinico blogger?
Possiamo tracciare un indentichi, magari da passare al reparto di psichiatria del policlinico?
Quale sarà il profilo dell'internettaro tipo, assiduo frequentatore di questo postribolo?
Ma soprattutto, ecchissenefrega nun ce lo volemo mette dottò?

Ebbene, tranne alcuni casi umani già schedati dalle forze dell'ordine, i lettori di questo sgangherato blog sono ignoti, per fortuna loro, ma lasciate che sia il primo (e l'unico) a congratularmi con coloro che sono giunti fino a qua cercando queste illuminanti frasi:
  1. il maialone d'oro lo assegnerei all'unanimità al simpatico lettore che è piovuto su cinico-blog cercando: "pompini estremi forzati". Non era facile, ma ce l'ha fatta. 
  2. Il premio speciale della critica a colui o colei che arrivò su queste sponde in cerca di "nodo cilindrico cravatta", ancora non mi spiego come sia potuto accadere.
  3. il premio bancarella va al nugolo di inesausti cercatori di mutandine di "vittoria brambilla senza mutande". Standing ovation per il sottosegretario al turismo e al suo perizoma, sempre ammesso che ce l'abbia, non si capisce bene.
  4. il premio speciale memorial moana pozzi al solitario cercatore di "carfagna spegnicandela". Buongustaio!
  5. il premio speciale se-craxi-era-un-grande-statista-allora-io-sono-la-madonna, all'inconsapevole ricercatore di "hammamet gnocca".
  6. il terzo premio ex-aequo per la ricerca più demenziale viene assegnato ai tre onanisti veneti e non, atterrati su cinico-blog mentre cercavano: "scoreggiare in pubblico", "luciana turina nuda" e "auto erotismo chiesa".
  7. premio speciale per la ricerca più bislacca, come direbbe il Banana, all'ignoto navigatore sbarcato grazie a "cosa fare quando cadono le foglie di fico". Non ne ho idea, ma di foglie di fico in Italia ne cadono in continuazione senza che succeda nulla, non parliamo poi di quelle di fica, signora mia!
  8. ottavo premio di consolazione per la folta schiera di ecologisti che, imperterriti, continuano ad accalcarsi grazie a "viva la foca".
  9. nono premio di incoraggiamento al problematico cercatore di "quale laurea?". Quella in agricoltura, belin!
Grazie a tutti e continuate ad arrivare numerosi, soprattutto in orario d'ufficio.

Divorzio all'americana

Se non ne può più lei che è pure pagata, figuratevi noi aggratise!

venerdì 11 luglio 2008

Avvenire è un po' ammorire

Pare che ai vescovi non sia piaciuta la sentenza che, in teoria, dovrebbe permettere di mettere finalmente fine al calvario di Eluana Englaro: "scelta necrofila!" ha sentenziato perentorio il giornaletto della curia, il tragicomico "Avvenire".

Invece l'esposizione a pagamento di San Padre Pio morto e stecchito da oltre 40 anni, è una scelta di vita.

M'annate ammorì ammazzati senza eutanasia, va.

martedì 8 luglio 2008

Virginia di nome e di fatto?

Fa sempre piacere sapere che il primo ministro si preoccupa per noi, popolo italiano sovrano, ma soprattutto bue.

Neanche dieci giorni fa aveva lanciato il suo j'accuse contro la magistratura:
"o faccio il premier oppure passo il mio tempo a preparare i documenti per difendermi nei processi".
Bravo, bene, bis! 
Cattivo cattivissimo, ciaciaciacià!

Salta fuori poi che il Banana ha un concetto tutto suo di cosa voglia dire "fare il premier" o "pensare al paese", anzi, viene da quasi pensare che la parola "premier" stia ad indicare colui che esercita lo ius primae noctis.

Archiviata la sempre ottima Carfagna, questa volta è il turno della signorina Virginia (!) Sanjust di Teulada (o di via Teulada?), il cui nome già è tutto un programma televisivo.

E poi c'era chi aveva il coraggio di attaccare il Banana per via delle quote rosa!

Ammazza, ne ha impalmate più lui in un mese che il partito democratico in una legislatura.

Ma a prescindere dalla ragguardevole prestanza fisica, se facciamo la somma del tempo passato a raccomandare questa o quella, salta fuori che con metà del tempo (e dei soldi) spesi al cellulare o in diamanti o altre quisquilie, probabilmente avremmo risolto il problema dei rifiuti in Campania, la fame nel mondo e la crisi petrolifera.

Presidente, lei sa che io sono sempre disposto a mettermi una mano sulla coscienza quando si tratta di belle gnocche, ma pensi se le venisse uno sciopón sul più bello: 
francamente sarebbe imbarazzante.

Insomma, Presidè, non so, veda lei, si faccia dare da La Russa qualche goccia di bromuro da mettere nel caffé, adesso che il servizio militare è stato esteso alle donne, chissà quante dosi saranno rimaste da smaltire.

No, eh?
Avanti con la prossimaaaa!

lunedì 7 luglio 2008

Il Pistorius di Palazzo Chigi

Il Banana non ancora deciso, ma gli ultimi test di Montecitorio hanno dato esiti confortanti.

"Penso che andrò alle olimpiadi" ha dichiarato oggi.

Il recordman italiano tenterà di stabilire il nuovo primato mondiale nella specialità dei 100 metri farfallone?

E mentre i concorrenti annunciano ricorsi per i presunti vantaggi che deriverebbero dall'uso dei capelli finti, il Banana prosegue gli allenamenti sotto la vigile guida di Brizzolatore, decano dei trombeur de femmes italiani ormai in pensione.

Chissà perché, d'improvviso mi viene in mente questa scena da "Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma non avete mai osato chiedere".

domenica 6 luglio 2008

giovedì 3 luglio 2008

Forza Tetta

E' sempre bello sapere che in parlamento siedono i legittimi rappresentati del popolo sovrano.
Quando poi hanno due tette che sembrano di marmo, beh, viene proprio da capirli 'sti poveri forzitalioti.

Complimenti al fotografo per il bel reportage.

giovedì 26 giugno 2008

Fini e le fatiche di (porto) Ercole

Ueh ragà, qui l'affare s'ingrossa... sarà mica ora di metterlo in mano ad un avvocato?

Ora che ci siamo tolti ogni ragionevole dubbio su cosa ci si riferisca quando si nomina "un importante membro del parlamento", attendiamo fiduciosi gli sviluppi.

Complimenti per la trasmissione, presidè.

martedì 24 giugno 2008

Mai più senza


Con la calura di questi giorni, finalmente qualcosa di utile per il povero colletto bianco attaccato alla tastiera.


lunedì 23 giugno 2008

O Italia o Spagna, basta ch'as magna

Chi di rigore ferisce, di rigore morisce...

Finalmente ci siamo tolti ogni ragionevole dubbio: il Banana porta sfiga alla nazionale.
Esattamente come nella politica, dove al di fuori delle leggi fatte per sé, quel poco che rimane o serve a poco o peggiora la situazione, così nel calcio, se non si parla di Milan, è meglio soprassedere.

Dato che in Italia il calcio viene usato come foglia di fico per nascondere ben altri problemi, "si vabbé abbiamo 4000 tonnellate di rifiuti per strada a Napoli, però siamo campioni del mondo...", adesso si tornerà alla giusta realtà, un paese con una modestissima nazionale di calcio e un ancora più modesto esecutivo.

Pallaaaaaaa, pallaaaaaa!

domenica 22 giugno 2008

Sotto il cappello, niente

Dopo la bandana da pirata dei caraibi, quest'anno sembra che il copripelata preferito dal Banana sia diventato il panama.
Plaudo alla scelta essendo il panama di origine centramericana, regno indiscusso dei coltivatori di banane e il Banana è un bananiere a 24 carati.
Quei pataccari del Giornale sono riusciti a scomodare invece Churchill e Roosvelt come testimonials del panama andando a intervistare Carlo Rossella, quello che giocava a fare il grande direttore "indipendente" del TG1.
Cosa c'entrino due illustri protagonisti della Storia con una comparsa, solo quelli del Giornale lo sanno.


Ovviamente si guardano bene dal menzionare che il panama era il cappello preferito da Al Capone, che, al pari del Banana, aveva una folta capigliatura, uno stacco di coscia di 20 centimetri e una particolare simpatia per le tasse, solo che negli USA non esistevano né Craxi, né Tremonti, né il condono.
Per non parlare della megalomania...

venerdì 20 giugno 2008

C'eravamo tanto amati

La luna di miele tra il Banana e Uolter è finita, è durata un po' più di un orgasmo e un po' meno di una risuolatura di scarpe (cit.).

Il tenero Uolter ha minacciato il Presidente Operaio di scendere in piazza in autunno. 
Tonino, il Giustizialista della notte (il mio idolo, ndr), gli ha comprensibilmente chiesto: ma perché dobbiamo aspettare l'autunno?

Perché in autunno cadono le foglie, comprese quelle di fico?
Perché adesso i potenziali manifestanti sono già tutti a fare una dura opposizione alle onde sulla battigia?
Ma soprattutto, il tenero Uolter, è così sicuro che in Autunno ci sarà ancora il Partito Democratico?

A prescindere dal fatto che le manifestazioni di piazza non sono mai contate una sega, naturalmente.

mercoledì 18 giugno 2008

Carramba che compleanno

Oggi è il sessantacinquesimo compleanno di Raffaella Carrà e prima del rituale "e chi cazzo se ne frega!", vorrei fare gli auguri alla matriarca della TV di rincoglionimento italiana e non solo.

Comunque avrei giurato fossero di più, sono sicuro di averla vista come comparsa in un film dei fratelli Lumiere.

Ma se lei ne fa sessantacinque, suo marito Enzo Paolo Turchi, per gli amici "Findus", avrà già passato i 100?

martedì 17 giugno 2008

A caval brambilla non si guarda tra le cosce

Quest'anno ad Ascot non si entra senza mutande.

Maaa, gnente gnente i cavalli in concorso sono quelli dei pantaloni?

Per fortuna questa stravagante iniziativa si applica solo oltremanica, noi italiani possiamo stare tranquilli grazie alla siura Michela Vittoria Brambilla e alla ministra senza portafoglio (e forse anche senza mutande), Carfagna.

Ma a parte tutto, volete mettere quattro ronzini con le cavallone nostrane?

All'italiano non far sapere quant'è bello pagare le tasse per il Corriere

Oggi sono incespicato in uno struggente elzeviro scritto da Claudio Magris sul Corriere della Sera.
Credo che il tapino meriti una argomentata risposta.


Caro Magris,
comprendo il nobile tentativo di convincere l'italiano medio a pagare le tasse, certo fa un po' pensare il fatto che sia dovuto risalire fino al 1984 per riuscire a scovare qualcuno contento di pagarle...
Veda, il problema, almeno per quanto mi riguarda, non è il fatto di pagare le tasse in sé, ma di vedere come vengono spesi bene i miei soldi.

Per esempio, quanto sento dire al Premier in gita che lo Stato Italiano (laico a suo dire, certamente poffarbacco!) dovrebbe passare gratis (et amore Dei) i libri alla scuola cattolica, a me non solo passa la voglia di compilare il famigerato F24, ma mi viene addirittura lo strano desiderio di utilizzare gli F16 per bombardare il Vaticano e Palazzo Chigi.
Mica per niente sa, ma visto che la scuola statale versa in condizioni pietose (veda statistiche OCSE se non ci crede), l'idea che si sottraggano ulteriori risorse per fare piacere al Papa mi fa felice come un toro preso per i coglioni.

Oltretutto non vale neppure la pena di soffermarsi sulla consolidata fama di contribuente modello dell'attuale presidente del consiglio, grande appassionato di condoni tombali e procedimenti caduti in prescrizione, ormai c'è venuta l'orchite a furia di sentire queste storie edificanti.

Quando leggo che alcuni stakanovisti della busta paga (e talvolta anche della bustarella...) percepiscono 2 stipendi, quello come consiglieri regionali e come parlamentari, anche se la legge lo vieta, anzi, lo vieterebbe, preferirei investire i miei soldi in qualche kalashnikov, altro che sentenze del TAR e beneficenza.

Quando scopro che una solerte dirigente della provincia (un ente utilissimo per carità), dopo aver timbrato il cartellino andava in piscina ad allenarsi, essendo campionessa dei quattrocento misti senior, mica pizza e fichi, mi verrebbe voglia di spronarla ad allenarsi in un'altra specialità: i quattrocento chilometri a calci in culo, altro che spostarla ad altro ufficio.

Quando so che parte dei miei soldi viene destinata a stipendiare giornaletti messi su con la complicità di qualche peone di Montecitorio per gabbare quattrini allo stato, vorrei tanto che gli pigliasse fuoco la redazione (con loro dentro, sia chiaro, vogliamo sprecare benzina con quel che costa?).

Ma per non restare sul generico, le dirò che ultimamente ho dovuto far eseguire alcuni lavoretti a casa.
Lei crede che qualcuno tra imbianchino, giardiniere e tappezziere abbia manifestato la voglia di rilasciare fattura?
Anzi, quando ho chiesto di pagare con assegno, mi hanno anche candidamente risposto:
"eh ma sa adesso ci stanno attenti con gli assegni..."

Le tasse, caro Magris, è bello pagarle in Svezia, con buona pace sua, del Presidente e del re del caffé, qua a pagare le tasse sono rimasti solo i coglioni come me, altro che storielle da libro cuore di venticinque anni fa.

Mi scusi per i toni un po' sarcastici, ma sa, quando oltre ad essere cornuti, si viene anche presi per le natiche...

Tanti saluti, complimenti per la trasmissione e mi raccomando, lasci anche qualcosa di mancia nell'F24.

lunedì 16 giugno 2008

Nei secoli infedele

Non abbiamo manco fatto in tempo a digerire la bizzarra condanna del povero Paolini, che subito la Cassazione ci propina una nuova, storica sentenza: i carabinieri non possono avere amanti.


Non è ben chiaro come sia stata scoperta la tresca ma possiamo immaginare la scena all'ingresso in caserma:
- Alt, chi va là, fermo o sparo!
- Appuntato con amante!
- Appuntato alt, amante avanti, si faccia riconoscere!

domenica 15 giugno 2008

Diobono sì, Fenomeno è la parola giusta!

Dopo aver passato una vita a correre dietro al pallone, il buon Ronaldo ultimamente sembra essersi svegliato e in preda a tempeste ormonali si è sistematicamente messo a correre dietro alle belle gnocche, le quali, ovviamente, sono ben felici di poter inserire nel curriculum il nome del Fenomeno.

L'ultima volta l'hanno visto giocare alla merla con la bella Nichole Bahls, la quaglia oltretutto si presenta con tali attributi che anche il Papa farebbe una certa fatica a dire di no...

sabato 14 giugno 2008

In nome del popolo televisionaro italiano

Siccome, digiaaamogelo, siamo un paese del menga, nonostante il marasma in cui versa, la giustizia italiana deve trovare perfino il tempo di emanare sentenze come quella a carico di Gabriele Paolini, in arte videodisturbatore.

La corte di cassazione ha sentenziato che l'estroverso Paolini, autore del "Berlusconi cornuto!" più famoso della storia della TV, è colpevole di interruzione di pubblico servizio.

Già a definire il TG1 un pubblico servizio, ci vuole un discreto coraggio, ma lasciamo perdere queste pretestuose polemiche verso il canale televisivo ufficioso del Vaticano, leggiamo le motivazioni della singolare sentenza:

"chi si apposta dietro le telecamere in una pubblica via, commette reato anche se è muto, immobile e non gesticola".

Dubito che basteranno le carceri italiane per contenere quella massa di cretinetti che invariabilmente si piazza dietro al giornalista di turno per salutare la mamma e i parenti.

E pensare che quella buonanima di Frajese aveva risolto il problema a modo suo, senza scomodare le toghe che dovrebbero occuparsi di ben altri problemi...



Un calcio nei maroni è per sempre, altro che sentenze della cassazione.

venerdì 13 giugno 2008

L'insopportabile leggerezza del gossip

Le cronache mondane riportano che un tale Rooney, che non so manco chi minchia sia, si è sposato in Italia spendendo e spandendo milionate di euro.

Una domanda s'impone:

E chi se ne stracazzofrega?


Ma quand'è che finirà questo scempio di coglioni con le vicende private del signor nessuno?

Veltrony Blair

Finché lo dico io sono cazzate, ma se lo dice l'Economist allora, so' cazzi...

giovedì 12 giugno 2008

Smento ergo sum

C'è una figura che si aggira nel parlamento italiano da qualche legislatura e che merita di passare alla storia, di finire sul calendario di Frate Indovino, tra Santa Rita del Divin Espianto e San Silvio Martire della Magistratura Rossa.

Il suo nome è Bonaiuti e il suo ruolo istituzionale si colloca a metà strada, tra il parafulmine e lo zerbino.
Ha il faccione bonario di quel compagno di banco che non capiva una mazza, però all'esame riuscì a copiare il tema e fece un inatteso figurone.

Il pacioso Bonaiuti non è stato scelto a caso, ha un talento naturale per dire le peggiori frescacce rimanendo non solo serio, ma assumendo addirittura quell'aria grave, di circostanza, tipica di chi sta soppesando le parole o forse di chi sta disperatamente cercando di scoreggiare in pubblico senza farsi sentire dopo un pranzo troppo abbondante.

Il Banana ne ha sparata una grossa? Accorruomo, presto, bonaiuto!
Ecco dunque l'intrepido pompiere arrivare trafelato davanti alla prima telecamera di passaggio per spegnere l'incendio, se necessario anche in mutande e canottiera, per smentire qualunque cosa, ivi incluso, se necessario, che la terra ruoti intorno al sole o che l'acqua scorra verso il basso.
Fantastica quella volta che gli toccò girare la frittata su Alitalia, quando Berlusconi, dopo aver dichiarato che i figli erano pronti a farsi avanti, puntualizzò mezzora dopo che non lo avrebbe mai permesso.
- "Tutta colpa di Prodi!".
Che classe, che talento, che mito!

Parliamoci chiaro, è un fottuto lavoraccio, 7 giorni su 7, 365 giorni all'anno, tutti gli anni.
Niente ferie, straordinari tutti i giorni, nessun sindacato, una modesta paga da onorevole e la rinuncia completa a pensare con il proprio cervello.

Ad esempio, ieri gli è toccato smentire che il Banana volesse fare un decreto legge sulle intercettazioni, "un banale errore materiale", ha argomentato accigliato, col ditone puntato verso Tonino il Giustizialista.

Ma certo onorevole Bonaiuti, si figuri se noi avremmo mai potuto pensare male, circondato da un cerchia di galantuomi di provata dirittura morale, giammai sfiorati dalla minima indagine giudiziaria...
Capiamo benissimo il suo dramma, anche noi teniamo famiglia e proviamo sincera simpatia per il suo caso umano.

Stia sereno e continui a regalarci momenti indimenticabili di umorismo come solo lei sa fare.

Al cittadino non far sapere quant'è bello il doppio stipendio del consigliere

Vi eravate sempre chiesti perché i politici debbano sempre girare con la scorta?
Ma è chiaro, perché devono difendere il maltolto...

E poi vi state anche a chiedere perché questo dannato paese stia finendo in merda.

Spero che questi 12.000 euro extra ve li consumiate in purganti.

martedì 10 giugno 2008

Se Santa Rita ti lascia la milza

Non so perché ogni tanto, ad anni alterni, salta fuori la solita clinica, il solito ospizio-lager, rigorosamente con nomi di santi, dove si perpetrano le peggiori infamie ai danni dei malcapitati pazienti.

Questa volta è il turno di Santa Rita, sempre sia lodata, dove esercita(va) tale Dott. Pier Paolo Brega Massone, il quale dev'essere munito, oltre che del bisturi facile, anche di un ben primordiale senso dell'ironia se non si peritava di firmarsi "Arsenio Lupin della chirurgia" negli SMS inviati agli amici.

Cosa c'entri il povero Arsenio Lupin, ladro e gentiluomo, con questo epigono nostrano del Dott. Mengele, lo sa solo, appunto, Santa Rita.
La cosa incoraggiante è che non era il solo ad avere uno strano concetto del giuramento di Ippocrate, perché pure gli altri "specialisti" sembrano usciti più da un film di Kruger che dalla facoltà di medicina.  
 
Il simpatico proprietario della clinica invece è un notaio, altra categoria di bella gente per la quale avrei pronta una cura medievale a base di pinze e tenaglie arroventate (cit.).

Ecco, mi piacerebbe tanto sentire l'opinione di qualche animina bella, di quei morti di sonno di "nessuno tocchi Caino".

Avete ragione, nessuno tocchi Caino, almeno non prima di aver preso in mano il cric.
Google